Home

img-casa

Fugo subito ogni dubbio al lettore che teme di leggere un articolo sulla gestione dell’ordine casalingo: non si tratta di questo, non c’è nessuna governance della casa e l’entropia continua a regnare sovrana, con scarpe e calzini nei luoghi più disparati.

Piuttosto, “governo della casa” è l’etimologia spicciola della disciplina più gettonata e nominata da telegiornali, commentatori e giornalisti in genere da almeno qualche anno a questa parte. Ebbene l’economia, scienza per così dire “vip”, ha inscritto nel suo nome un’origine remota. Oikos e nomos, rispettivamente “casa” e “legge” (mi perdonino i grecisti per la traduzione sempliciotta) sono i due termini da cui la parola “economia” viene a derivare.

Il governo della casa è dunque il primo e più antico significato della parola economia, quello con cui l’adopera lo stesso Aristotele. Solo col tempo essa andrà ad indicare quella disciplina per cui la conosciamo ancor oggi, la “scienza umana” che si occupa in primo luogo di studiare la produzione e la distribuzione di risorse in una società.

Si potrebbe dire, e credo non a torto, che l’economia sia una scienza per così dire “cruda”. Si pensa l’economia distante anni luce dalle tradizionali discipline umanistiche, ma si avverte anche una sua più profonda influenza sulla vita di tutti rispetto alle “scienze pure” e forse persino rispetto alle altre “scienze umane”.

D’altronde nodo cruciale di tutta la scienza economica è l’elementare riflessione per la quale “non esistono pranzi gratis“. Questo è l’elemento che rende l’economia non solo fredda, come può esserlo la fisica o la chimica, ma persino cruda. Nella sua concretezza l’economia risulta materialista, forse cinica, ma tristemente vera.

Non penso però che questo sia un suo elemento negativo: la concretezza di una disciplina è sempre un indice positivo di legame con la realtà. Benché possa a primo avviso urtare, questo “materialismo” può essere di grande insegnamento anche per la stessa riflessione filosofica. Lungi da me ritenere che il pensiero filosofico sia astratto o avulso dalla realtà, non lo penso per nulla e credo che possa invece essere il contrario. E’ indubbio però che per il filosofo perdere il concreto legame col mondo può essere un rischio costante. Si aggiunga che la contaminazione tra saperi diversi può portare a sviluppi interessanti e, in particolare dall’economia, la filosofia può guadagnarci in concretezza. Da Adam Smith a Karl Marx, da Von Hayek a Keynes quei pensatori che hanno saputo affiancare una vasta conoscenza in ambito economico alle istanze più tipiche della riflessione filosofica ci hanno guadagnato in profondità e lungimiranza.

Non si usa molto parlare di filosofia dell’economia, come si fa con la “filosofia della scienza” o di altre “filosofie al genitivo”. Sarebbe però sempre più opportuno esplorare queste materia alla ricerca di nuovi spunti per analizzare il presente e la realtà che ci circonda. Se per la filosofia l’autarchia è sempre pericolosa, a maggior ragione lo è se porta ad ignorare studi e sviluppi di una materia la cui conoscenza è fondamentale per interpretare il presente.

Sul manuale di Samuelson su cui studio un bel capitolo si intitola “menti fredde al servizio di cuori caldi“. Forse non si potrebbe meglio sintetizzare l’interesse e l’importanza di un dialogo tra questi due ambiti disciplinari, troppo spesso distanti e scettici l’uno nei confronti dell’altro. Se la riflessione filosofica, morale, etica od esistenziale finisce per essere slegata da un concreto legame col mondo, dimenticando il principio per cui “nessun pasto è gratis” essa rischia di essere nient’altro che un inutile impiego di tempo. Al contempo l’economia solo dialogando con la filosofia ed altre discipline scientifiche o umanistiche può meglio definire la sua funzione e il suo ruolo, evitando il rischio di venire ad essere una tecnica fine solo a se stessa. Solo dalla sintesi e dal dialogo di questi diversi ambiti di studio, uniti (almeno così mi sembra ad una prima riflessione) dal fondamentale tema del lavoro, può nascere una conoscenza più ricca con delle solide basi per leggere il mondo che ci circonda.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...