Home

I film non servono ad eccitare la gente, servono a liberarla dai tabù! È una crociata contro la falsa moralità!

Avrà avuto ragione Rosario Trapanese, protagonista di Il vichingo venuto dal sud, a pronunciare queste parole al commendatore Borellon?

A prescindere dal personaggio del Trapanese nella pellicola di Steno, possiamo utilizzare questa domanda come quesito rivolto alla categoria rappresentata da questo lungometraggio e chiederci se effettivamente la commedia sexy all’italiana abbia avuto generalmente un intento descrittivo o pedagogico.

A questa se ne aggiunge un’altra così formulabile: se davvero l’odierno cine-panettone rappresenta la filiazione teorica del discorso della commedia erotica all’italiana, anche il cine-panettone ha un intento pedagogico o descrittivo di un certo modus vivendi archetipico?

Prima però sarebbe giusto verificare se esista perlomeno la possibilità reale che la nascita del cinepanettone dalla commedia all’italiana o dalla sua variante sexy sia qualcosa di concretamente vero: i fratelli Vanzina, celeberrimi produttori della quasi totalità dei film recanti un titolo che inizi con Vacanze a oppure Natale a, hanno dichiarato che sia da attribuire a loro il primo cine-panettone, precisamente con Vacanze di Natale (1983), nato dalla volontà di incassare altrettanto se non di più del loro precedente Sapore di mare (1982).

Ritornando alla domanda principale credo che nelle intenzioni di buona parte della commedia italiana vi sia un intento descrittivo, se non critico, di alcuni comportamenti dell’Italia del tempo, più o meno marcato a seconda della pellicola, del regista o dello sceneggiatore. Nella sua versione erotica, a tratti molto poco distinguibile dalla sua versione bene, a seguito della sua canonizzazione cinematografica, l’impegno civile dietro le pellicole è andato diminuendo – e a ciò basti pensare la differenza che intercorre tra il film citato in apertura dell’articolo e altri titoli di qualche anno più vicini a noi, nonostante sprazzi decisi sempre a firma di Steno -.

Il discorso si fa più arduo nel trattare l’evoluzione post-commedia all’italiana: se i personaggi archetipici e le situazioni vissute da questi stessi nelle pellicole degli anni ’70-’80 mostravano spesso contraddizioni forti e poco sanabili, gli attori del cine-panettone interpretano l’errore interpretativo soggiacente alla commedia, che vista come fonte di qualunquismo dalla critica cinematografica per via degli episodi spesso lascivi – che hanno dato tanta fama a queste pellicole e guadagno monetario a chi le ha prodotte – ha finito per trasformarsi essa stessa in effettivo qualunquismo.

È veramente molto difficile trovare una giustificazione teorica dietro i così detti cine-panettoni, se non l’esibizione di uno stile di vita lontano da quasi tutti e spesso aspirazione della maggioranza degli spettatori, che se era trent’anni fa la vacanza a Cortina, oggi è ai Tropici.

La colpa – se tale deve essere definita la volontà di non produrre un lungometraggio impregnato di critica ma a puro scopo ricreativo – non va addossata ai vari Vanzina ed epigoni che popolano il cinema italiano, figli semmai del mutamento dei tempi e dei gusti dello spettatore medio, bensì proprio a quella già citata critica cinematografica che, riducendo la volontà di presentare un prodotto che passasse un messaggio sotteso al maggior numero di spettatori possibile come qualcosa di meramente edonistico, ha sancito la nascita del mostro invincibile e definitivo incarnante tutti gli aspetti negativi imputati alle produzioni del decennio ’72-’82 ed ora ha facilmente buon gioco a bollare come degeneri questo tipo di lungometraggi.

Annunci

3 thoughts on “Il comico (sai che pianti)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...