Home

Avevamo lasciato, nel precedente articolo, il nostro prode Lele alle prese con un sano giro in bici accompagnato dalla osservante madre; nel tempo intercorso tra i cinque episodi citati nelle due settimane passate e oggi, la branca italica dei Testimoni di Geova ha deciso di graziare con un ennesimo regalo noi miscredenti:



Sebbene il titolo del video possa richiamare uno dei trailer di colui-che-il-mio-collega-ha-descritto-l’altroieri, non siamo nel campo del surreale e nemmeno del comico, ma sul solido terreno del discorso di Fede.

Il sadismo del narratore fuori campo – forse Geova stesso che ha fornito la Sua Voce per questa speciale produzione? – si palesa immediatamente nell’esilarante risata che segue ai riferimenti biblici dei primi secondi del video e il masochismo represso del protagonista – che non conosce altro metodo per scatenare la sua fame se non quello di tirare con forza un calcio al pallone in modo da farlo precipitare a grande velocità sulla testa e scatenare sia quel certo languorino derivante dalla botta in testa che una certa prepotenza nei confronti degli altri umani – è la ancor più degna risposta.

Dopo una breve marcia Lele giunge in cucina e con tono imperioso – da buon represso si sa sfogare solo con il militarismo – ordina alla madre di preparargli un panino.

La madre, donna devota, non ha nemmeno bisogno di sprecare i gesti e le parole: si gira ed esclama il suo nome ad alta voce e ciò basta per fare in modo che Geova attivi le sue doti speciali: fare domande e cambiare le cose. Infatti, dopo una laconica domanda il Nostro si avvale della risposta preconfezionata di uno speciale coro angelico – Lele, peccatore, non ha facoltà di risposta e tantomeno generalmente di parola, ma solo di contrizione – e attiva la modalità speciale cambiatutto – già individuata dai teologi cattolici medievali, ma qui resa grazie alle nuove tecnologie e rinominata erase-and-rewind – grazie alla quale d’ora in poi ci mostrerà come grazie alla Sua grandezza sia possibile avere seconde possibilità e soprattutto imparare parole nuove.

Un nuovo Lele si muove lentamente per la cucina e giunge alla genitrice ponendole a mani giunte la domanda fondamentale sul Panino, ricevendo una risposta dolce e pacata; la voce del Narratore ci rassicura che anche Geova chiede le Cose in maniera gentile. Il giovane ora ha imparato che a Geova piace il bon ton e il tutto si chiude con una richiesta di ringraziamento e una cortina scura decreta la fine del filmato. Tutto sembra essersi concluso per il meglio, ma ne siamo sicuri?


Non è che il nostro protagonista si trova in realtà in una Realtà parallela? Magari indotta dall’abuso di stupefacenti come testimonia la sua camminata e la risposta della madre? Oppure in un mondo vissuto ma non fisicamente esistente?
Purtroppo queste domande dovranno rimanere inesauste: ma possiamo congedarci con una serie di cantici che ci ricordano a Chi solamente dobbiamo essere fedeli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...